Archivio per la categoria Geopolitica

FRATELLO BUONO E FRATELLO CATTIVO: COME LA DINASTIA AL-NAHYAN NASCONDE IL PROPRIO VERO VOLTO

FRATELLO BUONO E FRATELLO CATTIVO: COME LA DINASTIA AL-NAHYAN NASCONDE IL PROPRIO VERO VOLTO

La Terra non è in pace. La nuova Guerra Fredda non è più la contrapposizione tra Stati Uniti ed Unione Sovietica, come era dopo la Seconda Guerra Mondiale, ma la contrapposizione tra diversi paesi arabi che, grazie al petrolio, essendo passati dalla miseria all’opulenza nell’arco di sole

Read more

GUERRE ETNICHE, RELIGIOSE, COLONIALI E VENDETTE TRIBALI: IL MALI COME METAFORA DEL DISASTRO GLOBALE

GUERRE ETNICHE, RELIGIOSE, COLONIALI E VENDETTE TRIBALI: IL MALI COME METAFORA DEL DISASTRO GLOBALE

In Africa occidentale, tra gli Stati nati dalla Conferenza di Berlino del 1884, che creò nazioni col righello senza alcun rispetto della storia secolare delle etnie locali e causando interminabili sanguinosi conflitti, il Mali è tra quelli più poveri e instabili. Anzi: è il simbolo stesso del

Read more

IL CONGO DRC DOPO 60 ANNI DI DITTATURA E DUE SECOLI DI GUERRE, SCHIAVISMO E CONTRABBANDO

IL CONGO DRC DOPO 60 ANNI DI DITTATURA E DUE SECOLI DI GUERRE, SCHIAVISMO E CONTRABBANDO

Vivere nella terra più ricca del mondo non è una benedizione, ma un inferno. Da oltre due secoli, lo sfruttamento dell’area dell’Africa Centrale che si affaccia sulle due rive del Fiume Congo, è l’obiettivo di violenze inenarrabili, accordi internazionali che considerano lo sterminio di migliaia di persone

Read more

LAGO CIAD, VIAGGIO TRA L’INCUDINE E IL MARTELLO

LAGO CIAD, VIAGGIO TRA L’INCUDINE E IL MARTELLO

Ciad: un paese senza sbocco sul mare e collocato nel cuore del continente africano, al centro del Sahara, grande quanto Francia, Italia e Germania messi assieme (1’284’000 chilometri quadrati), ma quasi disabitato: fino a 20 anni fa aveva gli abitanti della Svizzera. Oggi sono raddoppiati e sfiorano

Read more

SE ABU DHABI PENSA DI “PILOTARE” DONALD TRUMP

SE ABU DHABI PENSA DI “PILOTARE” DONALD TRUMP

Per circa quattro anni, il governo degli Emirati Arabi Uniti e dell’Arabia Saudita hanno creduto di poter convincere (o persino obbligare) il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ad appoggiare diplomaticamente, economicamente e militarmente l’annientamento del Qatar. In queste settimane, passo dopo passo, questo sogno sta svanendo,

Read more